Come determinare la qualità della propoli

Secondo lo standard polacco PN-R-78891, la propoli grezza viene classificata nella I o nella II classe di qualità in base al contenuto di sostanze insolubili in etanolo. In altre parole, stando alla quantità di cera e impurità.

In etanolo (spirito) si dissolvono i componenti desiderati della propoli, dunque principalmente resine, mentre la cera e varie impurità solide – come schegge di legno, pollini o frammenti chitinosi di api – non vi si dissolvono.

propolis I klasa jakości
                                               Propoli della I classe

Stando alla suddetta norma polacca, solo la propoli in cui si trova al massimo il 30% di sostanze insolubili in etanolo appartiene alla prima classe di qualità. Il 30% risulta molto poco. Va inoltre ricordato che l’ape, depositando la propoli nell’alveare, mescola le resine portate dall’ambiente con la cera da lei prodotta. In tal modo anche una zolla di una propoli apparentemente pura conterrà almeno il 25% di cera. Per questo motivo, la propoli di prima classe è estremamente rara nel commercio all’ingrosso.

La seconda classe di qualità comprende la propoli con un contenuto di sostanze insolubili in etanolo tra il 30% e il 50%. Tale propoli viene solitamente consegnata dagli apicoltori ai centri di acquisto.

Come determinare la qualità della Vostra propoli? Sfortunatamente, un giudizio “a occhio” si rivela di solito fuorviante. L’unico metodo efficace è sciogliere un campione della risorsa nello spirito e pesare il residuo non disciolto. Questo metodo è descritto nello standard polacco. È abbastanza semplice e può essere realizzato con successo a casa, adottando delle piccole modifiche.

propolis II klasa jakości
Propoli della II classe

Vi serviranno:
-bilancia con una precisione di almeno 0,01 g: ad esempio una bilancia da tasca, la cosiddetta bilancia per gioielli, disponibile sul mercato in molte varianti ad un prezzo di circa 20€
-carta velina bianca (dalla cartoleria)
-imbuto
-matita
-circa 40 ml di spirito 95 gradi
-due vasi con una capacità di 50-100 ml (uno deve avere una chiusura ermetica)
-frigo

Esecuzione:
1) Versate 20 ml di spirito nel primo recipiente (non deve essere molto preciso).
2) Prendete 2,00 g della propoli che volete valutare (qui la precisione è importante) e mettete il campione – che dovrebbe essere frantumato – nella prima pentola con alcol.
3) Chiudetelo ermeticamente e lasciatelo a temperatura ambiente affinché la propoli si dissolva. Di tanto in tanto mescolatelo. Il tempo necessario dipende dall’intensità della miscelazione. Lo standard polacco prevede 24 ore, ma su un agitatore automatico in cui la propoli viene mescolata continuamente. In condizioni domestiche il tempo di 48 ore funzionerà bene, con ripetute miscelazioni a mano.
4) Trascorso questo tempo mettete il campione per un’ora in frigo.
5) Ritagliate dalla carta velina un quadrato delle dimensioni dell’imbuto, ma non più grande di 15×15 cm; pesatelo e annotatene il peso. Lo si può scrivere semplicemente su questa carta velina, ma solo con una matita.
6) Piegate in quattro la carta velina e mettetela nell’imbuto, che a sua volta va messo nel secondo vaso. Filtrate il contenuto del primo vaso. Ci vorrà un po’.
7) Quando tutto il liquido è nel secondo recipiente e sulla carta velina rimane solo il residuo insolubile, estraete la carta velina con il suo contenuto (possiamo aspettare che si asciughi un po’).
8) Attorcigliate la carta velina in modo che il contenuto non cada e risciacquate con una piccola quantità di spirito fresco (per farlo si può usare di nuovo il primo recipiente).
9) Mettete da parte il foglio di carta velina e lasciatelo asciugare; pesatelo dopo che è completamente asciutto. La precisione è importante qui.
10) Usate la formula seguente per vedere il risultato:
y = (x-z) / w
dove:
y: contenuto di impurità
x: peso finale della carta velina, insieme al residuo non disciolto
z: peso originale della carta, senza residuo
w: peso iniziale del campione di propoli (qui 2g)

In questo modo otterrete un risultato frazionario. Moltiplicate il risultato per 100 per ottenere la percentuale.

Propoli della I classe
Propoli della I classe
Propoli della II classe
Propoli della II classe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *